Dove siamo arrivati

Per vedere la posizione in tempo reale, clicca qui

orme_png-removebg-preview-removebg-previ

7.987.101 steps

cs2.png

53 le persone che mi hanno ospitato

odometro-removebg-preview.png

6.286 km a piedi

shoes21-removebg-preview.png

scarpe killed

Settima tappa: Peru

Ezio ed io siamo arrivati in Peru. Il Paese é immenso ed attraversarlo ci richiederera diversi mesi - ancora di più rispetto all'Ecuador. La situazione confini continua ad essere incerta: il prossimo passo dovrebbe essere il Cile, ma la frontiera é chiusa. A queste condizioni, forse salire in Bolivia potrebbe essere una soluzione ed una volta attraversata cercare di scendere verso il Cile passando da San Pedro de Atacama. Non ci resta che andare avanti con calma, goderci assieme a voi il Peru e vedere che succede nel mentre

Ad ogni modo, ad ottobre 2021 siamo arrivati a Lima. A conti fatti, resteremo in Perù fino a fine anno, scendendo lungo la suggestiva Panamericana sud costeggiando il Pacifico e le terre aride che vi si affacciano. Nonostante il deserto, toccheremo diverse località interessanti. Cominceremo da Pisco, patria dell'omonima bevanda già protetta come liquore nazionale (una specie di grappa, ma più morbida). Poi c'è Paracas, sede della prima civiltà precolombiana di questa parte del Perù e predecessori dei Nasca - ci passeremo  dopo aver lasciato Paracas. In mezzo, sosta obbligata ad Ica, celebre per la sua oasi: Huacachina, una vera cartolina sahariana. Ancora più giù, le grosse città scompaiono, lasciando il posto a calette segrete e spiagge senza nome. Una di esse ha una storia curiosa: si chiama BoliviaMar, è un lembo di terra regalato dai Peruviani alla Bolivia dopo che questa perse lo sbocco sul mare a causa della guerra con il Cile. Siamo ormai al confine, a Tacna. Ad oggi, il confine cileno è ancora chiuso: l'unica speranza è un imprevisto.